Ho’Oponopono: Significato, Tecniche e Mantra

Oggi vi parlerò di Ho’Oponopono una perla della cultura Hawaiana, un metodo che negli ultimi anni si è ampiamente diffuso anche in occidente ed è al contempo semplice e potente come pochi altri.

Che cos’è Ho’Oponopono?

Ho’Oponopono è un’antichissima tecnica di guarigione hawaiana.

La parola Ho’Oponopono significa “correggere gli errori” infatti secondo i saggi Kahuna, i problemi o gli errori sono frutto di pensieri inquinati da memorie dolorose o negative del passato. La pratica di Ho’Oponopono consente di disperdere l’energia di tali pensieri, per questo in molti traducono Ho’Oponopono con “mettere le cose al posto giusto”.

La Leggenda dell’Ho’Oponopono

In origine si racconta che secondo la cultura Hawaiana quando una persona della comunità commetteva qualcosa che creava disordine stava esprimendo un’energia mal canalizzata. Si riuniva allora il Consiglio degli Anziani e ogni membro, a turno, praticava Ho’Oponopono di fronte alla persona responsabile del “disordine” e di fronte a tutta la comunità. Così da condividere l’accaduto e per riconoscere che ciascuno aveva una parte di responsabilità di quanto accaduto.

Oggi questo metodo tradizionale si è evoluto e si è passati da una pratica collettiva ad una pratica personale.

E’ stata la grande guaritrice hawaiana, Morrah Simeona, ad evolvere e semplificare il metodo di applicazione di Ho’Oponopono pur conservandone intatta l’essenza dell’antica saggezza.

Ho’Oponopono si fonda su 5 punti fondamentali:

  • la soluzione è introspettiva
  • solo noi e il nostro Io siamo implicati
  • siamo soli nel praticare, non è necessario che altre persone coinvolte nel problema debbano assistere
  • il pentimento dell’Io
  • il perdono dell’Io

Ho’Oponopono è una filosofia di vita

Ho’Oponopono ci insegna ad essere al 100% responsabili delle nostre esperienze e che ogni situazione che viviamo risponde ai nostri pensieri e credenze, in molti casi inconsci e fin qui potrebbe sembrarci una cosa risaputa.

Ma Ho’Oponopono dice di più, spiega infatti che si è responsabili al 100% non solo di se stessi bensì di ogni situazione che accade intorno a noi, compresi gli eventi di cui veniamo a conoscenza.

Si avete capito bene! Anche io quando lessi i primi libri di Ho’Oponopono rimasi basita e dovetti rileggere più volte il concetto. A tal proposito vi consiglio i libri che mi hanno insegnato la tecnica dell’Ho’Oponopono

Infatti questa idea contrasta completamente la logica più elementare che abbiamo appreso nella nostra cultura moderna occidentale dove siamo tutti campioni di “declino della responsabilità” o di “divisione a metà della responsabiltà” o, ahimè, di “negazione delle proprie responsabilità”.

Il dottor Ihaleakala Hew Len, esperto di Ho’Oponopono, scriveva: ”Gli errori del mondo sono contenuti nella tua anima, così come sono contenuti nella mia”

Abbiamo l’abitudine di credere che i problemi provengano dall’esterno e di tentare di risolverli cercando le cause negli altri.

Ho’Oponopono insegna invece che tutto avviene nella persona. E’ in noi che dobbiamo cercare il problema e risolverlo. Come? Ripulendo la parte di noi che abbiamo in comune con l’altro. La maggior parte delle volte e soprattutto all’inizio non riusciremo a vedere tratti in comune con le “azioni brutte o ingiuste o sbagliate” che altri compiono, questo perché ci vediamo come entità separate dal resto del Mondo. Quando inizieremo a capire siamo una parte e che fungiamo da riflesso, questo metodo acquisterà tutto il suo senso.

Infatti secondo la concezione di Ho’Oponopono ogni individuo crea la propria realtà e tutti insieme creiamo il “mondo” e man mano che ripuliamo le memorie al nostro interno le stiamo ripulendo anche all’esterno. Ogni volta che saniamo una parte della nostra mente, la nostra evoluzione individuale aiuterà anche le altre persone. Tutti siamo uno, le nostre menti sono unite, in modo che ogni progresso individuale è un progresso di tutti.

Come si applica Ho’Oponopono? Attraverso 4 parole

Il Mantra di Ho’Oponopono

  • Mi dispiace
  • Perdonami
  • Grazie
  • Ti amo (se preferite potete usare “Ti voglio Bene” funziona lo stesso)

Nella sua forma più semplice, la pratica dell’Ho’Oponopono consiste nel ripetere mentalmente queste 4 parole, come fossero una specie di Mantra, ogni volta che ci imbattiamo o sperimentiamo una situazione che non ci piace.

È importante sapere che ciò che facciamo con questo mantra è ripulire le nostre memorie così che la nostra mente possa guarire. Non stiamo chiedendo che il problema venga risolto, non sarebbe molto realista credere che basti ripetere Ho’oponopono in modo meccanico per produrre automaticamente cambiamenti importanti nella nostra realtà e nel mondo. Ma vi assicuro che già solo la ripetizione delle 4 frasi come un mantra dà i suoi benefici, se però volete sperimentare il vero potere di Ho’Oponopono allora dovrete vivere e vibrare queste 4 emozioni di fronte ad ogni situazione spiacevole che vi si presenta. Dovrete sperimentare realmente l’emozione di dispiacere (mi dispiace) e la voglia di essere perdonati (perdonami). Dovrete sperimentare la gratitudine per l’opportunità che vi si è presentata, sotto forma di problema, di poter “ripulire la memoria” ed evolvere (grazie). Ed infine, aprirvi all’amore dell’Universo (ti amo).

Praticando con costanza Ho’Oponopono vedrete che la vostra vita comincerà rapidamente a riflettere, con fatti concreti, i cambiamenti positivi che accadono nella vostra mente e ogni novità felice sarà un’ulteriore occasione per ringraziare.

Aloha

2017-02-21T17:21:05+00:00

5 Comments

  1. Lorena 1 Febbraio 2017 al 17:51 - Rispondi

    Cara Lianka,
    Ti chiedo scusa ma sul questo punto non sono per niente d’accordo sulle teorie dell’Hoponopono.
    Innanzitutto non è una tecnica new age come è poi stata fatta diventare , ma fa parte dell’antico sciamanesimo Hawaiiana. Veniva esclusivamente praticata all’interno della famiglia di appartenenza, non per i gruppi né tanto meno per il singolo individuo.
    Una mia conoscente di Facebook segue proprio il vero antico sciamanesimo Hawaiiana ed ha fatto una ricerca veramente accurata andando anche sui siti Hawaiiana e inglesi che parlano delle tradizioni di questo popolo. Se vuoi puoi leggere il suo post nella pagina Facebook “Se fossi una strega Hawaiiana “.
    Scusami se mi sono permessa di fare questa precisazione, non è per te, ma purtroppo la New age ha commesso veramente dei furti storpiando antiche tradizioni e sconvolgendo del tutto , addirittura facendo credere che si possa ottenere qualsiasi cosa soldi compresi in questo modo.

    • leggidellamagia 2 Febbraio 2017 al 13:56 - Rispondi

      Ciao Lorena,
      hai fatto benissimo a lasciare il tuo commento a riguardo 😀
      Concordo con te sulla differenza tra il vero Ho’Oponopono come saggezza degli Sciamani Hawaiani e quello rivisto recentemente dal movimento new age, infatti nel mio articolo dico proprio esplicitamente che Ho’Oponopono è un’antichissima tecnica di guarigione hawaiana.
      E poi, che oggi si è ampiamente diffusa in occidente.
      Le differenze sono davvero tante tra i due, tanto che addirittura si è giunti ad una versione dell’Ho’oponopono occidentale proprio perché quello originario ha caratteristiche e peculiarità sue, che sono custodite dagli sciamani che non tutti hanno la fortuna di conoscere e quindi apprendere.
      Per quanto riguarda il fatto che venisse praticata nei gruppi, nelle culture antiche e tribali i gruppi delle comunità erano costituii da più famiglie non essendoci il concetto di famiglia nucleare come da noi al giorno d’oggi, quindi vanno in questo senso intesi come sinonimi.
      Tutt’altro discorso è per l’Ho’oponopono per il singolo, come dici anche tu non avveniva, è stata poi Morrah Simeona ad operare un adattamento di quello che giunge a noi come una versione moderna e adattabile alle nostre vite che sono vissute più in solitaria.
      Grazie per lo scambio, sono argomenti molto interessanti ed è bello potersi confrontare.
      Un caro saluto
      Lianka

  2. Lorena 1 Febbraio 2017 al 17:52 - Rispondi

    Scusa per gli errori ortografici. .

  3. Manuela Alboreto 25 Gennaio 2018 al 0:37 - Rispondi

    Grazie ,… si impara sempre qualche cosa di nuovo, inizio a seguirvi !

Scrivi un commento