Il magico potere del riordino è davvero così magico?

La parola “riordinare” viene dal latino ri- ordinare, dove ordinare assume proprio il significato di disporre le cose separatamente, in fila o in schiera.

La capacità di riordinare non sembra semplice, anzi per molte persone mantenere le proprie cose in ordine risulta davvero una battaglia ardua…tanto che la mente a volte ci fa credere di stare bene nel nostro disordine.

Tuttavia viene da sé che il caos fa perdere chiarezza e questo principio possiamo applicarlo in tutte le aree della nostra vita. Ad esempio se abbiamo mille pensieri, e dunque un caos mentale, trovare la soluzione ad un problema è una guerra persa.

Così come se abbiamo l’armadio pieno di vestiti riposti uno su l’altro, in modo disordinato, capire che metterci per uscire sarà abbastanza difficile.

Il magico potere del riordino: la tua casa è il tuo tempio

In oriente la casa è il tempio della persona che vi ci vive dentro.

Pensandoci bene è proprio così, la nostra casa è il nostro tempio, il nostro rifugio, il nostro luogo di potere e come ogni cosa di grande importanza va trattato con molta cura e grande amore.

E’ fondamentale pulire, purificare, amare la propria casa. Si dice che in una casa sporca si rischia di litigare di più con i conviventi. Una casa disordinata indica un disordine interiore.

Dunque di solito si cerca di partire dall’interno per migliorare l’esterno, ma questa volta vogliamo fare il contrario, seguendo il metodo della famosa Marie Kondo.

Il magico potere del riordino secondo Marie Kondo

Iniziamo intanto capendo chi è questa affascinante donna: mossa da un disturbo di riordino di tipo compulsivo, Marie già da piccola si dedicava al riordino della sua stanza e della sua casa, valutando differenti tecniche, alla ricerca di quella che si mostrasse la più efficiente.

Dopo vari studi Marie si è specializzata nel campo del riordino domestico, creando una tecnica originale e innovativa che l’ha portata, a soli 34 anni di età, ad essere la giovane consulente domestica giapponese più richiesta in tutto il mondo.

Dopo diversi studi l’autrice infatti ha sviluppato una propria strada che le permette di aiutare gli altri e vivere bene!

Oggi Marie Kondo è autrice del best seller Il Magico Potere del Riordino, cercata in tutto il Giappone per riordinare case, uffici e aziende, la deliziosa reginetta dell’ordine  sta spopolando insegnando e diffondendo la sua tecnica del riordino. Abbiamo detto che la nostra casa è il nostro luogo di potere da rispettare e amare, dunque il riordino inizia proprio da li!

Molte persone dopo aver sperimentato questa esperienza di riordino totale della casa si sono sentite meglio, sono riuscite a compiere scelte importanti, a vedere con chiarezza cose della propria vita che prima gli sfuggivano.

Questo perché nel mettere a posto la propria casa si è anche costretti a lasciar andare molti oggetti che non sono più utili, o non fanno più parte della propria vita attuale. Il primo passo è infatti proprio questo: scegliere cosa far restare e cosa lasciare andare via.

Molti oggetti che abbiamo in casa sono oggetti dimenticati, non più utilizzati, riposti da qualche parte della casa, in qualche angolo buio fuori dalla nostra visuale quotidiana, che però mantengono un legame attivo con il passato.

Disfarsi di questi oggetti permette anche di lasciare andare il passato, di andare avanti, permette di voltare pagina e di aprirsi a nuove possibilità. Riordinare permette di mettere a posto non solo i propri oggetti, ma anche la propria vita!

Ebbene si ragazze è proprio così, ed ormai è un dato di fatto.

Come mettere in pratica il magico potere del riordino

Vediamo allora più da vicino la tecnica del riordino di Marie Kondo!

Il suo best seller “ Il magico potere del riordino” si è sparso a macchia d’olio in numerosi paesi, tanto che è stato tradotto in differenti lingue tra cui: cinese, coreano, inglese, spagnolo, indonesiano, francese, portoghese, svedese e, ovviamente, italiano.

Marie Kondo sostiene che l’atto del riordino è per il 90% un atto mentale, per questo va fatto tutto d’un colpo, non vale la regola metto a posto prima il bagno, poi la camera da letto e poi la cucina. La giovane giapponese sostiene che è importante riuscire a riordinare la propria casa tutta insieme, perché lo shock di riaprire gli occhi e trovarsi in una nuova casa, provoca uno shock anche interiore che permette di smuovere qualcosa nella propria vita.

Riordinare in sé per sé non è una cosa difficile, potrebbero farlo anche i bambini, la parte complicata è tutto quello che la nostra mente e le nostre emozioni ci vedono in quell’atto. Nessuno ci ha mai insegnato come si riordina e tanto meno nessuno ha mai dato molta importanza a quest’arte, ma Marie, esperta del settore, riesce a dare numerosi consigli sull’arte del riordinare, sia teorici che pratici, portando il lettore passo passo a voler compiere questo atto, o meglio questo cambiamento, attraverso la giusta mentalità e la corretta motivazione.

Come dice infatti la stessa autrice “L’azione del disordinare è un meccanismo di difesa che le persone fanno scattare per distogliere l’attenzione dall’essenza del problema”.

Uno dei vari consigli offerti dall’autrice è di riordinare la propria casa per categorie, così sarà più semplice e non bisognerà svolgere più volte lo stesso compito, giacché non siamo abituati a tenere tutti gli oggetti di uno stesso tipo in un’unica stanza, è meglio ordinare per categorie che per tipologia di oggetti.

Tuttavia il riordino si compone principalmente di due fasi: cosa buttare, o meglio cosa lasciare, e dove riporla.

Non è facile decidere cosa lasciare e cosa no, ma Marie ha dei consigli pratici anche per questo. Se una cosa ti fa stare bene, ti regala un’emozione, allora resta, altrimenti si ringrazia e si fa uscire dalla propria vita.

La selezione non è facile perché entrano in gioco 4 parametri, che sono:

  • il valore funzionale,
  • il valore informativo,
  • il valore affettivo,
  • il fattore rarità.

In parole semplice di un oggetto in generale teniamo in conto a cosa serve, che informazioni ci fornisce, che emozione vi abbiamo legato e la difficoltà nel trovare un oggetto uguale. Su questi quattro parametri si basano le quattro categorie in cui riordinare la casa, descritte da Marie Kondo.

Dunque anche se si riordina tutto d’un fiato si dovrà seguire questo ordine:

  • prima i vestiti
  • poi i libri e i documenti,
  • in seguito gli oggetti misti,
  • per finire i ricordi, come ad esempio fotografie, album, quaderni, agende e diari di vecchia data.

Sono molti gli spunti di riflessione e le tecniche descritte dall’autrice al riguardo, ma non vogliamo svelarvi tutto quella che questa dolce donna può rivelarvi nel suo libro, quindi finiamo qui la nostra recensione su questo best seller.

La nostra opinione

Noi del Team delle Leggi della Magia abbiamo letto e sperimentato su noi stesse Il Magico Potere del Riordino e ci  sentiamo di consigliare vivamente questo libro perché sicuramente ad ogni persona regala qualcosa.

Il magico potere del riordino si rivela utile specialmente per le persone disordinate, ma non solo, poiché partendo dal riordino della propria casa Marie Kondo permette al lettore di riuscire a riordinare e fare chiarezza anche nella propria vita.

Attraverso tecniche, consigli, esempi e quant’altro l’autrice arriva a colpire l’obiettivo in modo dolce, semplice e pratico, motivo per cui “Il magico potere del riordino” è un libro valido così amato ed è diventato un best seller in tutto il mondo.

VEDI SUL GIARDINO DEI LIBRI
VEDI SU AMAZON
VEDI SU MACROLIBRARSI