Ciao Leggine e Leggini, come ogni mese, abbiamo canalizzato e intervistato una divinità, sottoponendola alle vostre domande.

L’ospite di questo mese è stato Dagda, il Dio Irlandese dell’abbondanza e della Guerra, che ci ha dato tante risposte illuminanti.

Ecco l’intervista:

Domanda: Ciao, Dagda, ti posso intervistare per le Leggi della Magia?

Risposta: Certo, sono qui per questo.

1-D: Molti confondono la ricchezza con l’abbondanza, quindi ci puoi spiegare qual è la vera essenza dell’abbondanza?

R: La ricchezza è dentro l’abbondanza. L’abbondanza è il potenziale, è come un seme che può portare nutrimento, può portare la nascita di una pianta, può far crescere i fiori, può portare che le api si sfamino. L’abbondanza è la potenzialità delle tante cose e può essere, come direste voi, positiva o negativa, nel senso, anche abbondanza di pestilenza può essere abbondanza. L’abbondanza è solo “tanto”, tanto realizzato e altrettanto in potenziale.

2-D: Come mai hai scelto di occuparti di abbondanza, nonostante tu sia uno dei Guerrieri più temuti e forti che esistano?

R: Perché era l’unico posto disponibile! 😂 😂 Qualcuno se ne doveva occupare, non è un brutto lavoro, l’abbondanza mi piace, soprattutto di cibo e di alcol. Ma scherzi a parte me ne occupo io anche perché ho la saggezza per farlo, è un potere che potrebbe corrompere se non sei saggio.

3-D: Come si può rimanere sempre nella frequenza dell’abbondanza?

R: Non andando nella frequenza della carenza. Sono scelte: l’abbondanza è riuscire a vedere il potenziale delle cose. Quando uno ha la mentalità ristretta e c’è carenza, non può vedere il potenziale delle cose e non vede l’abbondanza. Gli umani non vedono l’abbondanza ma in realtà ne sono totalmente circondati, per questo stanno distruggendo tutto: non vedendo creano aspettative mentali su quello che dovrebbe essere ma in realtà non c’entra niente con la verità. In ogni istante loro sono pieni di aria, pieni di fiori, di natura, di pioggia, di neve, di tutto. In questo momento i soldi, che sono l’abbondanza che sembra piacere di più agli umani, enormi transazioni di denaro stanno avvenendo: c’è chi starà vincendo dei soldi, chi starà incassando soldi, chi li starà ereditando, ma le persone non pensano a questo ma pensano solo alle loro mancanze, se riuscissero a percepire quest’abbondanza basterebbe solo allungare una mano e attingere da queste fonti un po’ di energia e portare questi flussi a sé.

4-D: Come si può creare equilibrio stabile tra dare e ricevere?

R: Quanto ricevi dai: se oggi ricevi qualcosa allora dai qualcosa. Ogni volta che ricevi, dai. Così crei l’equilibrio. E quando ricevi ricorda di ricevere con gratitudine. Apprezza anche il dare, se ti senti di dare, dai. Anche quando combattiamo amiamo dare: dare colpi ai nemici, dare una mano agli alleati, ma si da tutto in battaglia e tutto si riceve. Come vedi, ci sono affinità tra essere il Dio della Guerra e essere il Dio dell’Abbondanza (ride).

5-D: Come si fa ad ottenere la serenità economica?

R: Chiedere questa cosa al Dio dell’Abbondanza è divertente: che ne so io? Chi ha mai avuto problemi economici? (Ride)

6-D: Quale può essere il blocco principale al flusso dell’abbondanza durante la vita terrena?

R: Questa la so: il potere personale, che poi si ricollega alla mia battuta di prima. Il problema è che non percepite niente oltre l’umanità. Non vi percepite potenti e senza confini ma limitati, quindi pure l’abbondanza è limitata. Nel momento in cui vi percepite senza limiti tutto diventa illimitato, quindi anche l’abbondanza. Se inizierete a percepire il vostro legame con noi, inizierete a percepire anche l’energia dell’infinita abbondanza, perché fa parte dell’Universo stesso. Gaia, il pianeta che vi ospita, infatti, è infinitamente abbondante.

7-D: È possibile fare in modo che tutti vivano nell’abbondanza?

R: Se chi governa il mondo decide questo allora certo. Il mondo è abbondante, se tutto vivesse in equilibrio con il pianeta non ci sarebbe nessuna carenza. Guardate un campo lasciato incolto nella natura: produce cose meravigliose che sfamano tutti. Chi rispetta la natura non è mai carente.

8-D: Perché esiste chi ha troppo e chi troppo poco?

R: Dipende da tante cose, questa risposta non vi piacerà. Intanto dipende dal Karma, da cosa hanno fatto queste persone nelle vite passate. Prima o poi bisogna anche prendersi le responsabilità delle proprie azioni. Sai, l’anima è eterna, se non è questa vita è quella dopo. E poi, ci sta pure l’idea errata portata da secoli che se sei povero sei buono, che tutti hanno introiettato. Se sei povero, in realtà, non sei buono ma incazzato di non avere abbondanza!

9- D: Quali prove devono affrontare i tuoi Sacerdoti per arrivare alla tua frequenza e sbloccare l’abbondanza nelle loro vite?

R: Di Sacerdoti ne ho ancora tanti nel mondo, sia svegli che non svegli. Per cominciare, quando si risvegliano, devono diventare degli abili guerrieri che non si spaventano davanti a nulla e che hanno una potenza mentale tale che nei momenti di lotta più difficile stanno comunque sulla frequenza del Tutto, della vittoria sicura, dell’abbondanza estrema del bottino che andranno a raggiungere, dell’abbondanza come potenziale: noi non facciamo mai niente per niente. Tutto ha un motivo quando lo facciamo e quello che facciamo è come se benedicesse e fecondasse il terreno su cui passiamo. I miei Sacerdoti, quando raggiungono un posto o raggiungono una persona è come se la stessero fecondando di abbondanza.

10- D: Perché tu che sei Vita, Luce e Abbondanza hai sposato la Signora della Morte?

R: Dai questa è facile! È la compensazione. Sai che noia se no con una Signora della Luce e dell’Abbondanza? Faccio già tutto io, poi che facevamo la stessa cosa? Invece così c’è quel rincorrersi, quel dualismo, insomma deve essere un po’ frizzante un rapporto no? E poi mi piace così indomabile che poi si lascia domare, insomma cose nostre. (Mega risata).

D: Abbiamo finito, hai consigli per le Leggine?

R: Sì voglio dare un consiglio: l’abbondanza è già con voi ed è già in voi, dovete solo imparare a percepirla. Adesso, proprio adesso, fate un esercizio: chiudete gli occhi e provate a catturare l’abbondanza intorno a voi. Provate ad immaginare che nel momento in cui leggete, nel mondo, fili di abbondanza flussi di denaro e occasioni speciali stanno succedendo nel mondo, è questa è un’ovvietà e non una cosa irrealistica, immaginate di prendere un po’ di abbondanza per voi. Questo è il mio dono, se ci siete riuscite si manifesterà presto, in caso contrario, evidentemente avete problemi con l’abbondanza da risolvere. Buona Fortuna.

Anche questo mese abbiamo concluso, chissà chi sarà il prossimo o la prossima 😀 Se vuoi leggere tutte le precedenti Interviste con gli Dei le trovi QUI